Nutrizione ed educazione alimentare


Nutrizione, educazione alimentare e dieta

Solitamente, quando si parla di dieta, si pensa a restrizione alimentare e riduzione della quantità di cibo e/o di calorie introdotte. 

In realtà il termine dieta deriva dal greco δίαιτα, diaita,  modo di vivere.  Nell'antichità della medicina greca la dieta, nel senso di modo di vivere volto alla salute, prevedeva regole che disciplinavano ogni aspetto della vita quotidiana: dall'alimentazione, all'esercizio fisico, al riposo. Quindi non una terapia dimagrante straordinaria, come erroneamente la si ritiene, ma un ordine da osservare con diligenza per aver cura costante della propria vita, Ecco, questo è ciò a cui mi riferisco e ciò che vi invito ad avere in mente quando, procedendo nella lettura, incontrerete la parola dieta.
Mi occupo di nutrizione ed educazione alimentare, non di programmi alimentari basati sul conteggio delle calorie, sebbene anche di queste terrò conto nel formulare un piano nutrizionale personalizzato. E' per questa ragione che non uso software professionali per la compilazione delle diete e preciso che i programmi alimentari da me prescritti non sono frutto di meri calcoli matematici ed algoritmi, ma fanno  riferimento alle più recenti ed innovative tecniche di manipolazione nutrizionale grazie alle quali è più fisiologico, e gradevole per l'assistito, il raggiungimento degli obiettivi di controllo del peso che avverrà così in salute, con flessibilità,  gradualità, ed assecondando le esigenze dell'organizzazione di vita quotidiana individuale.

 

Quali condizioni e quali patologie possono trarre beneficio da un programma nutrizionale personalizzato?

  • Acne
  • Alitosi
  • Allergie ed asma allergico
  • Cefalea ed emicrania 
  • Celiachia
  • Cellulite
  • Colesterolo alto
  • Colon irritabile
  • Decadimento cognitivo dell'anziano
  • Dermatiti ed eczemi
  • Diabete
  • Disattenzione scolastica
  • Difficoltà di concentrazione al lavoro
  • Disbiosi intestinale
  • Dislipidemia (colesterolo e trigliceridi alti)
  • Dismetabolismi (malattie della tiroide, diabete)
  • Dispepsia (digestione lenta e difficile)
  • Disturbi del climaterio e della menopausa
  • Diverticoli del colon
  • Dolori ossei e articolari localizzati e/o diffusi
  • Gastrite e reflusso gastroesofageo

  • Glicemia alta, intolleranza agli zuccheri, diabete
  • Inappetenza in corso di terapie oncologiche
  • Intolleranza al frumento
  • Intolleranza al lattosio
  • Intolleranza ai lieviti
  • Intolleranza al nickel
  • Glicemia alta
  • Inappetenza
  • Insulino resistenza
  • Intolleranza al frumento
  • Intolleranza al lattosio
  • Intolleranza al lievito
  • Intolleranza al nichel
  • Intolleranze alimentari
  • Ipertensione arteriosa
  • Ipertiroidismo
  • Iperuricemia
  • Ipotiroidismo
  • Mal di testa ricorrente
  • Malattie del rene (insufficienza renale cronica)
  • Malattie della colecisti (e colecistectomia)

  • Malattie dell'apparato digerente
  • Meteorismo
  • Morbo di Crohn
  • Obesità in età scolare
  • Obesità nell'adulto
  • Osteoporosi
  • Patologie del fegato (epatite cronica, cirrosi...)
  • Patologie della tiroide (tiroidite autoimmune)
  • Per migliorare la fertilità (maternità/paternità)
  • Prurito cutaneo diffuso
  • Reflusso gastroesofageo
  • Rettocolite ulcerosa
  • Ritenzione idrica
  • Sindrome metabolica
  • Sovrappeso in età scolare
  • sovrappeso nell'adulto
  • Stanchezza ricorrente o persistente
  • Steatosi epatica (fegato grasso)
  • Stipsi (stitichezza)
  • Trigliceridi alti
  •  

    Come viene condotta la visita ed impostato il programma nutrizionale personalizzato?

    In sede di prima visita verrà effettuata un'accurata vista medica, con contestuale raccolta dei dati antropometrici, ed una approfondita anamnesi di vita e alimentare.

    Sulla scorta delle informazioni ottenute e dell'obiettivo desiderato e raggiungibile, sarà quindi stilato il piano alimentare di partenza che mirerà al ripristino delle funzioni metaboliche e di depurazione.

    I successivi controlli, fissati solitamente a 15 /30 giorni, consentiranno di valutare e monitorare i progressi raggiunti, chiarire i dubbi eventualmente sorti nel frattempo ed eventualmente ad apportare modifiche al programma nutrizionale personalizzato impostato all'inizio.

     

    In quali casi può tornare utile ricercare i benefici di una dieta personalizzata?

    • prima di cercare una maternità/paternità, per migliorare la fertilità di coppia

    • durante gravidanza

    • durante l'allattamento

    • dallo svezzamento e per tutta l'età scolare

    • quando si praticano attività sportive, per migliorare le performance

    • quando si desidera modificare l'aspetto fisico, perdendo grasso e aumentando la massa muscolare (o entrambi)

    • per migliorare la regolarità intestinale (in caso di alvo tendenzialmente stitico o diarroico)

    • dopo una malattia debilitante, per una convalescenza più rapida ed efficiente

    • durante trattamenti chemioterapici

     

    Scopri le "diete" del benessere:

    • Diaita antinfiammatoria, consigliata a quanti soffrono di patologie su base infiammatoria
    • Diaita per migliorare le funzioni cognitive (attenzione a scuola, concentrazione al lavoro, memoria con l'avanzare dell'età)
    • Diaita preventiva dell'osteoporosi


    Esperta in Nutrizione per lo Sport certificata da ISSN, International Society of Sport Nutrition


    Quale Esperta in Nutrizione per lo Sport lavoro a contatto con chi pratica attività fisica a livello amatoriale e/o professionale.

    Il mio primo approccio consiste sempre nello educare ad una corretta alimentazione in senso generale. Fatto questo, i nutrienti vengono sapientemente utilizzati per aumentare la performance ed il timing della loro assunzione viene personalizzato in base alle esigenze individuali che sono differenti in fase di allenameto, pre- e post- competizione.

     


    Paola Micale 2019 - Contatti

    Privacy Policy Cookie Policy